Proiezione del corto Bataclan, vincitore del nastro d’argento 2021 e dialogo con il regista Emanuele Aldrovandi

L’iniziativa venerdì 1 ottobre, alle 21, nella sala della pubblica assistenza castetelnovese. Per partecipare occorre prenotarsi

Data:
29 Settembre 2021
Immagine non trovata

Si intitola “Bataclan” e verrà proiettato venerdì 1 ottobre, alle ore 21, nella sala della pubblica assistenza di via Petrarca 6, a Castelnovo di Sotto. Si tratta del cortometraggio del drammaturgo, sceneggiatore e regista Emanuele Aldrovandi, originario di Castelnovo Sotto, e residente a Reggio Emilia. 
Il cortometraggio ha recentemente vinto il Nastro d’Argento 2021, il più antico premio cinematografico italiano, assegnato dal 1946 dal sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e aveva già vinto il Premio Rai Cinema al Festival di Roma.

Il corto, girato in francese e ambientato a Parigi, è completamente reggiano come produzione ed è stato girato negli spazi dell’ex Ospedale giudiziario cittadino da una casa di produzione reggiana (la Big Nose Production). Reggiano anche il direttore della fotografia, Alessandro Vezzani. Quasi tutti emiliani i professionisti coinvolti.
La storia narrata ha come sfondo gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015. Una serie di attacchi terroristici di matrice islamica sferrati da un commando armato collegato all’ISIS, che li ha successivamente rivendicati. Gli attentati sono stati compiuti da almeno dieci persone fra uomini e donne, responsabili di tre esplosioni nei pressi dello stadio e di 6 sparatorie in diversi luoghi pubblici della capitale francese, tra cui la più sanguinosa è avvenuta presso il teatro Bataclan, dove sono rimaste uccise 90 persone. 

La scena è quella di una ragazza francese si reca in un commissariato per denunciare che il fratello Jamil è coinvolto nell’organizzazione degli imminenti attentati allo Stade de France e al Bataclan, ma l’atteggiamento della poliziotta non è quello che lei si aspetta.
Partendo da un fatto di cronaca che tutti conoscono e che si è indelebilmente segnato nella storia recente e sulla nostra pelle, le due protagoniste del film portano gli spettatori all’interno di una riflessione archetipica sui fondamenti della nostra società.

Alla proiezione sarà presente il regista che sarà intervistato dal giornalista Marco Barbieri.

Per partecipare è richiesta la prenotazione al 331.1972416, anche attraverso whatsapp.
L’iniziativa è soggetta alla verifica del Green Pass.

Ultimo aggiornamento

Martedi 16 Novembre 2021